rapporto annuale 2019

futuro design d'interni e ricerca

Sibylla Amstutz

Comitato Direttivo

Il 14 e 15 novembre 2019 si è svolto nel centro culturale Neubad a Lucerna il Simposio internazionale dell’architettura d’interni «Soft Space», organizzato dalla VSI.ASAI. in collaborazione con il Gruppo di ricerca architettura d’interni della Scuola superiore di Lucerna – Tecnica e architettura.

Tema del simposio è stata la dissoluzione dei confini con il potenziale di spazio e di utilizzo che ne deriva. Cosa accade se i confini dello spazio, un tempo rigidi, si dissolvono? Senza una netta distinzione degli utilizzi, quali potenzialità hanno gli spazi abitativi che possono essere continuamente riadattati? In che modo con la tecnologia degli algoritmi si possono generare nuove tipologie di spazi e di strutture?

Queste e altre domande sul tema «dissoluzione dei confini» sono state affrontate dai relatori nel 2° Simposio internazionale dell'architettura d’interni. Il tema è stato esaminato dalla visuale di varie discipline, tra cui l’architettura d’interni, la scenografia, l'architettura e la geografia urbana e sono stati presentati approcci di soluzioni pieni di stimoli, come per esempio con progetti che si collocano tra l'arte e l’architettura d’interni, oppure, che si incentrano sulla connessione tra i livelli digitali e lo spazio. La scelta dei relatori ha fornito una buona visione dell'argomento a livello teorico e pratico.

I relatori erano:
– Bjørg Aabø, Snøhetta (Oslo); Opening Lecture
– Randi Jensen, Tato Architects (Kobe); Keynote
– Nikoline Dyrup Carlsen + Svend Jacob Pedersen, Spacon & X (Copenhagen)
– Leonid Slonimskiy, Kosmos Architects (Mosca/Ginevra)
– Tüüne-Kristin Vaikla + Urmo Vaikla, Vaikla Studio (Tallinn)
– Karsten Huneck + Bernd Truempler, KHBT Architects (Londra/Berlino)
– Alisa Andrasek, RMIT University (Melbourne)
– Giovanni Netzer, Origen Festival Cultural (Riom)
– Stefan Carsten, Zukunftsforscher (Berlino); Keynote

Complessivamente hanno partecipato al Simposio 156 persone. Nel questionario scritto che ha fatto seguito alle relazioni i visitatori hanno espresso una valutazione da rilevante a molto rilevante al tema e alle relazioni del Simposio e una valutazione da buona a molto buona alla scelta dei relatori. Il simposio ha fornito una cornice professionale per stimolare il discorso specialistico nel campo dell'architettura d’interni. L'evento ha attirato l'attenzione del pubblico professionale di tutta la Svizzera.

Il Simposio è stato finanziato dall'Agenzia svizzera per la promozione dell'innovazione (Innosuisse) nonché da fondazioni e aziende private. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare vivamente tutti gli sponsor per il loro sostegno finanziario.

Prospettiva
Sia i partecipanti sia la VSI.ASAI. ritengono che nell’esecuzione periodica di un Simposio o di un evento di pari rilevanza sia insito un grande potenziale per il collegamento in rete e il rafforzamento della disciplina Architettura d’interni. Attualmente sono in corso discussioni su possibili formati e concetti, sulle possibilità di finanziamento e sul coinvolgimento di altre università.

soft space